Novafutur: massimizzare il valore dei dati con Google Cloud

  • Gli sviluppatori possono sperimentare di più utilizzando le soluzioni Google Cloud
  • Looker diventa parte integrante dello strumento di reporting di Novafutur
  • Il miglioramento della scalabilità offre agli sviluppatori e ai data scientist dell'azienda una maggiore autonomia

Case presente anche su:

Cliente:
Nova Futur
Data:
Maggio 2021
Servizi:
Looker, Google Cloud Platform

Nel 21° secolo, i dati sono diventati inestimabili. Possono guidare le decisioni aziendali e mantenere le aziende smart davanti ai loro competitor. Le applicazioni di dati più innovative sono automatizzate e utilizzate per risolvere le sfide più grandi che le aziende devono affrontare. Una ricerca rivela che le aziende che basano le proprie decisioni sui dati hanno una probabilità 19 volte maggiore di essere redditizie.

Ma come analizzare e ottimizzare i tuoi dati per trarne il massimo? È qui che entra in gioco Novafutur .

Fondata a Londra nel 2019, Novafutur è un’azienda cloud-native che utilizza la potenza dell’analisi e dell’automazione avanzate per aiutare le aziende a comprendere e massimizzare il valore dei propri dati. 

Utilizza un software di servizio specializzato che distribuisce singoli flussi di dati in tempo reale, elaborando rapidamente un’elevata quantità di informazioni sui clienti utilizzando il deep learning avanzato. Impiega motori avanzati progettati per essere personalizzati e pronti a ordinare i dati dinamici dei clienti in modelli che aiutano il marketing e la divulgazione. Vincenzo Rocco, CEO di Novafutur, spiega: “Lo facciamo organizzando al meglio i dati e raccogliendoli attraverso gli strumenti che utilizziamo in tempo reale. Una volta che questi dati entrano nella nostra piattaforma, forniamo a queste aziende una serie di strumenti per utilizzare meglio i propri dati e consentire loro di vederli da diverse prospettive”.

Dopo aver creato un primo proof of concept per il suo software, il team di Novafutur si è subito reso conto che l’agilità di cui aveva bisogno poteva essere trovata solo in Google Cloud “Google Cloud ci ha offerto una soluzione più avanzata rispetto agli altri concorrenti in termini di apprendimento automatico e intelligenza artificiale, che era ciò che stavamo cercando in quel momento”, afferma Paulo Goncalves, COO, Novafutur. “E, naturalmente, il nome di Google ha un certo peso.”

Estrarre dati significativi con Looker

La velocità è essenziale per Novafutur, poiché i suoi clienti hanno bisogno di risposte rapide. Quando si trattava di scegliere un provider cloud, l’azienda cercava in primis la capacità di scalare. Anche la velocità con cui i dati potevano essere immessi era un altro criterio chiave e anche il costo della memorizzazione dei dati che non venivano utilizzati.

Oltre a ciò, Novafutur voleva la flessibilità per poter implementare più ambienti quando necessario o per provare nuove tecnologie che potessero dargli vantaggi migliori senza la necessità di gestirli. Google Cloud si è rivelato la soluzione giusta.

Il team Novafutur utilizza anche Looker, la piattaforma avanzata di business intelligence di Google Cloud, per analizzare e trovare rapidamente informazioni dettagliate nei suoi set di dati. 

Looker consente a Novafutur di creare facilmente una piattaforma di esplorazione dei dati che renda i suoi dati accessibili in modo avvincente e intuitivo. È diventato uno strumento integrale per l’azienda, con il team Behavioral Insights di Novafutur che lo utilizza per creare report dettagliati, qualcosa che sarebbe molto complesso da costruire da zero. “Abbiamo attraversato una fase iniziale in cui ci siamo integrati correttamente con Looker e abbiamo preparato tutta la documentazione necessaria per integrazioni future per i nostri team”, afferma Rocco. “E ora Looker è fondamentalmente un’estensione della nostra piattaforma per il lato dei rapporti”.

Offrire di più ai clienti con Google Cloud

Il team Novafutur utilizza un’ampia gamma di soluzioni Google Cloud per fornire assistenza ai propri clienti. James Davis, CTO, Novafutur, spiega come il team ottiene il meglio da questi prodotti. “Quello che abbiamo sono i punti di implementazione per i nostri clienti, che sono webhook. Questi sono scritti in Golang sui cluster di Google Kubernetes Engine. Utilizziamo Google Kubernetes Engine per la sua scalabilità. Non dobbiamo preoccuparci delle macchine virtuali e ci offre controllo più accurato. E usiamo Golang perché ha un footprint di memoria ridotto ed è un processo veloce che va in Pub Sub . Quindi abbiamo Dataflow che entra in BigQueryin alcune zone. Abbiamo anche superato più processi di arricchimento dei dati per inserire altre aree di dati per l’apprendimento automatico e quindi nei nostri algoritmi. Poi finalmente torna in BigQuery.”

Per gli avvisi e l’incorporamento, Novafutur fa in modo che Looker punti ai dati di BigQuery e utilizza anche Cloud SQL , poiché il team spesso scopre che è più economico ottenere dati utilizzandoli. Usano anche Operations Suite (precedentemente Stackdriver) per avvisi e monitoraggio.

La fine dei limiti di dati

Sebbene Novafutur sia sempre stata un’azienda cloud-first e non ha dovuto migrare da un sistema legacy on-premise, ha toccato con mano i vantaggi di lavorare su Google Cloud. E la scalabilità è stato un enorme vantaggio per i data scientist di Novafutur quando hanno raggiunto i limiti dei dati.

“È facile iniziare a raggiungere i limiti con le macchine locali, mentre con Google Cloud possiamo semplicemente ridimensionare automaticamente e non affrontare questo problema”, afferma Rocco. “E questo può effettivamente essere fatto dai data scientist che vogliono solo addestrare i loro modelli. Ora, non hanno bisogno di contattare un amministratore di sistema o una persona DevOps per ottenere le risorse di cui hanno bisogno per addestrare i loro modelli. Hanno invece accesso a la console di Google. E quando hanno bisogno di addestrare effettivamente il loro modello, possono semplicemente aumentare la loro infrastruttura e poi ridimensionarla al termine”.

Gli sviluppatori del team Novafutur erano anche liberi di sperimentare Google Cloud e di eseguire rapidamente il loro lavoro di prova, senza temere il costo del fallimento. 

I vantaggi di questa sperimentazione e la velocità di sviluppo vengono trasmessi direttamente ai clienti dell’azienda. “Con le soluzioni di Google Cloud, se un cliente richiede una particolare funzionalità, possiamo implementarla rapidamente e contribuire a portarla sul mercato”, afferma Rocco.

La collaborazione con Huware e la visione futura

Novafutur ha collaborato con Huware, Premier Partner di Google Cloud, che ha utilizzato la propria esperienza per guidare l’azienda nel suo percorso di trasformazione digitale. Questo processo ha incluso riunioni bisettimanali per garantire che Novafutur ottenesse il miglior prezzo e flessibilità dai suoi accordi di licenza, mantenendoli aggiornati sulle ultime tecnologie disponibili da Google Cloud. Novafutur ha recentemente firmato un contratto triennale per continuare a costruire su questo lavoro. “Abbiamo sviluppato un ottimo rapporto con Huware”, aggiunge Rocco. “I loro report regolari ci hanno aiutato a ottenere informazioni dettagliate sul nostro utilizzo del cloud e sui relativi costi, consentendoci di apportare ottimizzazioni inestimabili”.

Abbiamo un grande progetto su cui stiamo lavorando e che puntiamo a rilasciare nel prossimo trimestre. Stiamo cercando di offrire ai clienti la possibilità di personalizzare il più possibile gli algoritmi di apprendimento automatico. E Google Cloud sarà parte integrante di aiutandoci a raggiungere questo obiettivo.

  • Vincenzo Rocco, Amministratore Delegato, Novafutur